La DOC Breganze a Vinitaly 2017

Breganze, 8 aprile 2017

La Denominazione di Origine Controllata Breganze sarà rappresentata a Vinitaly dal Consorzio di Tutela e da otto suoi soci produttori. Ecco dove trovarci: il Consorzio di Tutela ed i produttori Col Dovigo, IoMazzucato, Vignaioli Contrà Soarda, Vigneto Due Santi e Villa Angarano saranno al padiglione del Veneto (il 4), stand G4/G5, nell’area Made in Vicenza. Presso lo stand del Consorzio ci saranno i vini di tutti i soci. Breganze, prestigiosa DOC vicentina, presenterà la “trilogia” del vitigno autoctono Vespaiolo, ossia il fermo, lo spumante ed il dolce Torcolato, da uve appassite, oltre ai grandi vini, da vitigni internazionali, primo fra tutti il Cabernet. Nei giorni della fiera saranno presenti anche i rappresentanti delle cantine Ca’ Biasi, Le Vigne di Roberto e Vitacchio Emilio.

L’Az. Agr. Firmino Miotti parteciperà alla kermesse veronese nell’area FIVI (pad. 8, stand D8/9, desk 4) e quest’anno, oltre ai altri vini che da sempre tengono alto il nome della storica cantina breganzese, presenterà un Vespaiolo affinato in legno di acacia. Internet: www.firminomiotti.it.

Tra i nomi che contribuiscono a proiettare la zona di Breganze nell’empireo delle aree italiane di respiro internazionale, quello di Maculan sarà al pad. 7, stand B3. Qui, alle 12 di domenica 9 aprile, verrà stappato il primo magnum del vino celebrativo delle quaranta vendemmie di Fausto, con etichetta disegnata dall’artista Pino Guzzonato su carta dallo stesso realizzata a partire dai raspi delle uve. Internet: www.maculan.net.

La Cantina Beato Bartolomeo da Breganze, che vinifica le migliori uve conferite dalla miriade di piccoli produttori del territorio riuniti in cooperativa, sarà al pad. 4, stand F7. Saranno presentati il millesimo 2013 del Vespaiolo Spumante Metodo Classico “Bosco Grande”, oltre alle molte altre specialità che ne fanno un vanto per l’enologia breganzese. Internet: www.cantinabreganze.it.

Col Dovigo presenterà le nuove annate della sua produzione, dal Vespaiolo Spumante “Perlena” al bianco fermo Rivole da uve tai, chardonnay e sauvignon, dal Pinot Grigio selezione Vignariva al taglio bordolese SUAM. Internet: www.coldovigo.com.

IoMazzucato presenterà il Land, un uvaggio di traminer 80% e pinot bianco 20% e annuncia tra le novità in affinamento in cantina due Metodo Classico che saranno in degorgement nel 2018: uno vinificato in bianco ed uno vinificato in rosé di vespaiola e pinot nero. Inetrnet: www.iomazzucato.it.

Vignaioli Contrà Soarda quest’anno punterà sul progetto Fly with the bee, per trasmettere il vitigno autoctono della vespaiola nelle quattro versioni prodotte dalla tenuta di Bassano del Grappa, sottolineandone le caratteristiche diverse pur partendo dalle stesse uve: Vespaiolo Soarda, vino fermo entry level d’annata, affinato in acciaio; Vignasilan, sempre fermo ed affinato in acciaio ma ottenuto da vigna singola ed affinato per ulteriori due anni in cantina dopo l’imbottigliamento; 121 b.C., vino naturale ossia a fermentazione spontanea e macerazione senza controllo di temperatura e senza solforosa aggiunta ed infine il Sarson Torcolato DOC, vino dolce da uve appassite prodotto secondo tradizione. Internet: www.contrasoarda.it.

Grande è l’attesa per i vini presentati dal Vigneto Due Santi, che quest’anno affiancherà ai suoi prestigiosi grandi rossi anche i nuovi bianchi. Internet: www.vignetoduesanti.it.

Chiudiamo come abbiamo aperto, è il caso di dirlo, in bellezza con Villa Angarano: le sorelle Bianchi Michiel presenteranno un’edizione speciale del loro fortunato spumante rosato “5 Sisters” per il quale, insieme alla mamma, hanno realizzato sei etichette corrispondenti a sei ricette care a ciascuna di loro per l’abbinamento con questo vino versatile e ricco di sfaccettature, che lo rendono adatto al “tutto pasto”. Si va dall’antipasto al piatto con il formaggio, una maniera creativa e divertente per rappresentare la femminilità delle donne di Villa Angarano mentre l’equilibrio dei profumi e la freschezza del vino ricordano la stabilità e lo spirito di collaborazione delle donne. Internet: www.villaangarano.com.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *